Facimu zzumpare all’aria Lu Pupu!

di Maria Thilo

Dicembre è un mese ricco di tradizioni.

Quelle legate al Natale, ovviamente, ma anche tante altre che riguardano il periodo successivo, fino a Capodanno. La notte di Capodanno nel Salento quasi tutti i locali organizzano serate danzanti e cenoni, ma se volete qualcosa di veramente particolare e tradizionale, dovete recarvi a Gallipoli.
Solo nella stupenda cittadina sullo Jonio è possibile prendere parte all’antica tradizione de “Lu Pupu”.

Lu Pupu è un fantoccio di grandi dimensioni, realizzato in paglia o carta, che rappresenta l’anno appena passato. Vecchio e brutto, vestito di stracci e con in mano una valigia rotta piena di malefatte, bugie e disgrazie, è accompagnato da un pupazzo più piccolo,un bambino che rappresenta il nuovo anno. E’ possibile imbattersi in questa strana coppia in tutti I quartieri gallipolini.

lu pupu capodanno gallipoli

La gente si riunisce attorno a loro e, allo scoccare della mezzanotte, “lu Pupu” e la sua valigia vengono dati alle fiamme, mentre, attorno ai gallipolini che salutano festosamente il vecchio anno, scoppiano petardi e il rumore risuona in tutta la città. La tradizione prevede che ceramiche, piattipentole vengano gettati dai balconi nelle strade, come per liberarsi del “vecchio” presente nelle case. Fiumi di spumante vengono versati e la gente si scambia gli auguri, perché il nuovo anno sia migliore del precedente.

Nella storia dellu Pupu, anche un consiglio da seguire: se venite in vacanza a Capodanno, portate con voi un bagaglio
ulteriore. Andate e Gallipoli e gettatelo nel fuoco, sarete pronti per iniziare con nuova linfa l’anno appena cominciato!

Check Also

the spire of raimondello

La leggenda della Guglia di Soleto

di Maria Thilo Novembre è il mese di tutto ciò che è oscuro e sinistro. Il …

Lascia un commento

buzzoole code

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi