Il Jazz targato Salento. L’intervista a Raffaele Casarano

0

raffaele casarano 1

Raffaele Casarano tra passato, presente e futuro

Da Sogliano Cavour, paesello nell’entroterra della penisola salentina, parte l’avventura nazionale ed internazionale di Raffaele Casarano. A soli 24 anni, ha fondato il “Locomotive Jazz Festival” che oggi è uno dei più importanti festival nazionali di musica jazz. Raffaele, oggi, dieci anni dopo il suo esordio, è uno dei musicisti salentini più amati e apprezzati nel panorama jazz internazionale.

Hai fondato il “Locomotive Jazz Festival” che eri ancora ragazzino. Cosa ricordi di quei tempi? E’ stato uno dei periodi più intensi della mia vita. Il Festival è nato nel mio paese natale a Sogliano Cavour (Le) nel 2006 grazie all’intuito dell’allora sindaco Salvatore Polimeno. E così con la mia famiglia ci siamo subito messi in moto per ideare una piccola rassegna di jazz, forse nemmeno noi credevamo potesse avere così tanto successo già nella prima edizione. E il ricordo più bello è quello di mio nonno materno, il nonno Carlo che insieme a noi nipoti e tutta la mia famiglia era sul palco a vedere come procedevano i lavori. Mio nonno è stato da sempre l’organizzatore della festa patronale di Sogliano ‘San Lorenzo’. Per lui quel momento era come dare il testimone a noi, di un qualcosa che si faceva per la comunità.

raffaele casarano 2Il concorso “Locomotive Giovani” offre una importante possibilità ai ragazzi del Sud di emergere e misurare la propria bravura insieme a musicisti famosi… Più che concorso è un percorso di formazione per chi ha voglia di conoscere il mondo dell’improvvisazione e non solo. Partendo dalla mia esperienza ho voluto riportare ai più giovani una possibilità, quella che dal nostro sud, se si ha coraggio e anche un pizzico di rabbia nel raggiungere i propri sogni, si può! E’ nato così il Locomotive Giovani e anche questo progetto sta crescendo di anno in anno, e il livello dei ragazzi ad esempio quest’anno è incredibilmente alto. Questo a significare che nel nostro territorio pugliese e salentino ci sono realtà di giovani musicisti che hanno voglia di fare, basta dargli solo la possibilità. Qual è il consiglio che daresti ai ragazzi che sognano di fare la tua carriera artistica?

Bisogna avere ostinazione e come dicevo anche un pizzico di rabbia ‘buona’ per raggiungere i propri sogni e obiettivi. E poi studiare tanto e costantemente, perché la Musica prima di tutto fa bene al cuore e alla mente. Successivamente fare esperienza andando fuori e confrontandosi con gli altri più bravi.

Lo scorso 19 novembre hai suonato insieme al piccolo grande Jose Luis Montano, un bambino cieco dalla nascita, che ha suonato per Obama e insieme ai più grandi musicisti jazz americani… Si grazie a Unicef Italia sono stato ingaggiato a Roma per suonare con il piccolo Joselito. Una storia incredibile la sua. Grazie alla musica ha superato la sua disabilità ed è riuscito ad avere un contatto con il padre che prima non aveva. La dolcezza di quel bambino che a soli 11 anni suona il jazz come un grande jazzista per me ha significato tanto. La Musica è una vera e propria terapia, una preghiera, un modo di vivere e ci aiuta tutti i giorni (anche se non ce ne accorgiamo) a essere migliori.

raffaele_casaranoTantissime le collaborazioni musicali con artisti di fama internazionale. Quale, tra tutte, ti ha emozionato di più? Una delle più recenti è stata quella con Sting all’ Olympia di Parigi. Ho la fortuna di collaborare con grandi della musica internazionale uno tra tutti il grande Manu Katché, batterista jazz di fama mondiale nonché da più di 30 anni al fianco di Peter Gabriel, ed è grazie a lui che ho potuto fare questa esperienza pazzesca.

Progetti futuri? Tantissimi, ma ora sto lavorando al nuovo disco che registrerò a Marzo 2017 e probabilmente da questo disco nascerà poi qualcosa per il cinema. Ci stiamo lavorando. Contemporaneamente sto lavorando alla prossima edizione del Locomotive 2017, e a dei tour internazionali futuri.

You might also like

Leave A Reply

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi