La Pasqua dolce sulle tavole salentine

0
Non esiste periodo dell’anno, in Puglia e nel Salento, in cui non vi siano delle specialità tipiche collegate ad una ricorrenza, ad un evento, ad una celebrazione, sacra o profana.

Anche la Pasqua ha i suoi piatti tipici, soprattutto dolci. Alcuni sono talmente antichi che la loro origine si perde nella notte dei tempi.

Una delle specialità più longeve e tradizionali legate al periodo pasquale è la puddhrica, anche detta cuddhrura o puddhricasciu, pane morbido e dolce arricchito con un uovo sodo inserito al centro dell’impasto. “Sabato Santu puddhrica (o cuddhrura) cu l’oe” (Sabato Santo cuddhrura con l’uovo) è un antico detto salentino che ribadisce la ritualità di questa ricetta che tuttora è presente nelle case salentine in occasione della Pasqua.

pasqua dolceCon la forma, benché il termine cuddhrura significhi in greco “rotondo”, ci si può divertire, costruendo un cestino, o un bambolotto. L’unico vincolo è legato all’uovo, simbolo di fecondità e di vita, con chiaro riferimento alla purificazione e alla rinascita in senso cristiano, che si trova sempre al centro e va mangiato accompagnato col pane.

E che cosa dire del famoso pecureddhru (agnello) di pasta di mandorla, anche detto “lu tuce de li signuri”, ossia il dolce dei signori, perché più adatto alle tavole delle famiglie benestanti che utilizzavano la pasta di mandorla per preparare luculliani banchetti. La pasta di mandorla, di origine medievale, ha raggiunto il Salento in periodo barocco, quando nei conventi e nei monasteri religiosi le monache preparavano questi tradizionali dolci pasquali.

A distanza di secoli, ancora oggi a Lecce la pasta di mandorla per eccellenza viene prodotta e confezionate dalla monache benedettine: il loro agnello di pasta di mandorla è un must per i leccesi e i salentini tutti.

Non possiamo non citare infine i Quaresimali, che hanno già nel nome la loro identità. Sono biscotti tipici del periodo quaresimale, durante il quale era vietato mangiare carni o derivati, ed alcuni monaci iniziarono a preparare pietanze a base vegetale. Prodotti con ingredienti semplici e genuini, si rifanno ad una antica ricetta della tradizione gastronomica e sono ancora oggi presenti sulle tavole pugliesi e del Salento.

You might also like

Leave A Reply

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi