‘SPHERÆ’ di Alessio Gloria. Il Salento nelle sue elaborazioni visionarie

0

Il centro storico di Lecce si ritrova invaso da innumerevoli sfere giganti, multiformi e multicolore, sospese sopra i vicoli e le piazze, o appoggiate dinanzi ai palazzi pubblici o sulle pietre dei siti più antichi, o ancora fluttuanti all’interno della basilica di Santa Croce o del teatro cittadino.

alessio gloria autoritratto

Sono le elaborazioni visionarie del giovane artista salentino d’avanguardia Alessio Gloria che, dopo l’esordio con la mostra “Sintesi digitali” del 2014, torna a stupire con la sua nuova serie di opere denominata “SPHERÆ” e con il suo stile sempre caratterizzato dall’utilizzo di sofisticate tecniche compositive.

Visionario sperimentatore, dissacrante innovatore. Chi è Alessio Gloria, architetto leccese, classe 1979?

Ci sono due substrati: il primo, un background di studi classici, una formazione professionale d’architetto, una passione e uno studio costante per l’arte, la sua storia e le sue manifestazioni contemporanee; il secondo, la curiosità e l’approfondimento delle tecniche più recenti di composizione e rappresentazione e, più nello specifico, di modellazione tridimensionale fotorealistica. L’arte, a mio avviso, è comunicazione e, come tale, si evolve attraverso il progredire delle tecniche di rappresentazione. La computergrafica 3D è ciò che, in tal senso, mi affascina di più consentendomi di relazionarmi in maniera alternativa e innovativa con la realtà circostante.

ag_santa-croce_lowresE da qui SPHERÆ, un’iconografia di Lecce. 

Sono 9 diverse operazioni sugli spazi pubblici e privati, sacri, secolari, politici, laici della mia città. Visioni “metareali”, configurazioni spaziali differenti, oltre le consuete rappresentazioni iconografiche, oltre ciò che vediamo, la cui abitudine e familiarità spesso impigrisce l’immaginazione di possibili opportuni cambiamenti, relativamente alla rappresentazione grafica ma, soprattutto, alla progettazione concreta sugli spazi reali. Non bisogna vivere di rendita coi lasciti della storia. Con essa ci si deve confrontare, per continuare a progredire.

La tecnica utilizzata è un misto di fotografia e modeling 3D. 

La fotografia, la tecnica per eccellenza che impressiona la realtà di cui abbiamo e facciamo tutti esperienza. Il modeling 3D, la tecnica che consente di rappresentare l’irreale, di dare corpo, quindi realtà (seppur virtuale), a ciò che è nella nostra immaginazione, nelle nostre ispirazioni. Il risultato rappresenta ciò che non è ma che potrebbe divenire.

Progetti e prospettive per il futuro.

Il futuro è già presente, basta saperlo immaginare e modellare…

www.alessiogloria.it

You might also like

Leave A Reply

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi