Apre il Museo della Preistoria a Nardò

Cerimonia sabato 14 ottobre alle 10. Ospiterà i più antichi fossili di Homo Sapiens d’Europa

0

È in programma sabato 14 ottobre alle ore 10 l’inaugurazione del Museo della Preistoria di Nardò, allestito nelle sale del Chiostro di Sant’Antonio (ingresso da piazza Sant’Antonio).

Il contenitore ospita manufatti e fossili provenienti dalle indagini archeologiche svolte a partire dagli inizi degli anni Sessanta del secolo scorso nelle grotte del Parco di Portoselvaggio e Palude del Capitano frequentate nel Paleolitico (grotte di Serra Cicora A, Mario Bernardini, Uluzzo, Uluzzo C, Cavallo, Zei, Torre dell’Alto) e nel sito neolitico di Serra Cicora, la quasi totalità custoditi nelle sedi di Taranto e Lecce della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio Brindisi Lecce e Taranto. Tra i reperti di maggiore rilievo ci sono i più antichi fossili di Homo sapiens del continente euroasiatico ma un’altra eccezionalità è costituita proprio dall’elevato numero di siti archeologici che testimoniano quasi centomila anni di vita di Homo neanderthalensis prima e di sapiens poi.

Alla cerimonia inaugurale, che sarà coordinata dall’assessore all’Ambiente, Parchi e Musei Mino Natalizio, interverranno per i saluti istituzionali il sindaco Pippi Mellone e l’assessore alle Industrie Turistiche e Culturali della Regione Puglia Loredana Capone. Interverranno inoltre il funzionario archeologo Laura Masiello (Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio Brindisi Lecce e Taranto), il direttore del Museo Filomena Ranaldo, il rappresentante del soggetto gestore della struttura (Nomos – Servizi per la Cultura del Patrimonio) Silvia Strafella, il presidente del Gruppo Speleologico Neretino Vittorio Marras. Le conclusioni saranno affidate al Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio Brindisi Lecce e Taranto Maria Piccarreta.

“Dopo l’Open Day che fu fatto esclusivamente per rendere il giusto omaggio al Gruppo Speleologico Neretino attraverso la presentazione della loro mostra didattica – spiega l’assessore Mino Natalizioè finalmente arrivato il momento dell’inaugurazione e dell’apertura del Museo della Preistoria di Nardò, che solo oggi è stato completato nei suoi allestimenti e affidato in gestione. E che naturalmente sarà immediatamente visitabile. Un museo in grado di raccontare la storia del territorio e arricchire quindi l’offerta turistica e culturale della città, ma anche di assolvere all’importante ruolo di agenzia educativa con cui formare le future generazioni. Possiamo affermare, con orgoglio, di essere riusciti a regalare a Nardò qualcosa di straordinario”.

 

“L’apertura di questo spazio – aggiunge il sindaco Pippi Melloneconsentirà alla città di dare il giusto valore alle eccellenze archeologiche del Distretto del Paleolitico di Portoselvaggio e rappresenta una giornata storica per Nardò e per la Puglia. Finalmente tutti potranno ammirare e studiare reperti archeologici che sono unici in Europa. Il Museo è stato affidato in gestione a una impresa culturale attraverso un bando pubblico, in linea con quanto stabilito in proposito dalla Regione Puglia. Non basta aprire i contenitori, ma trasformarli in attrattori attraverso efficaci modelli di gestione che, tra le altre cose, creino occupazione”.

 

“Abbiamo raggiunto un obiettivo prestigioso – evidenzia il direttore del museo Filomena Ranaldoche è frutto di un importante lavoro di squadra tra Soprintendenza, Regione, Comune e Gruppo Speleologico Neretino. Il punto di forza di questo progetto di allestimento museale e di valorizzazione del distretto del Paleolitico di Portoselvaggio, sta nel far convergere le istanze di tutela, ricerca, valorizzazione e fruizione in un’ottica di sostenibilità dell’utilizzo del patrimonio per lo sviluppo sociale ed economico del territorio”.

You might also like

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi