Dallo Ionio all’Adriatico, le 10 località balneari più belle del Salento

0

Dal lato ionico, passando per il Capo di Santa Maria di Leuca e risalendo lungo la costa adriatica, il litorale salentino offre scenari e panorami diversificati e mozzafiato. A favore di quanti non conoscono il Salento oppure di chi necessitasse di un memorandum, questo mese vi proponiamo un elenco dei siti balneari più belli e famosi della penisola salentina.

Per chi ama ammirare veri paradisi naturali incontaminati, il viaggio può iniziare da Punta Prosciutto, una delle spiagge più selvagge del Salento. Circondata da boschi e dalla tipica macchia mediterranea, offre distese di sabbia bianca e acqua a dir poco cristallina. A proposito di fondali trasparenti, non si può non citare la baia di Porto Selvaggio. Raggiungibile dopo una lunga passeggiata nella pineta del parco naturalistico che la avvolge, è un vero e proprio angolo di paradiso, con una spiaggetta di sassolini e una imponente scogliera.

Non ha nulla da invidiare ai paesaggi caraibici la Marina di Pescoluse, anche detta Maldive del Salento, contraddistinta da sabbia bianca e finissima e da fondali bassi e trasparenti. Nei paraggi, anche Punta della Suina, meta ideale per il turismo familiare per le acque basse degli arenili, oppure per gli sportivi che possono praticare sport velici e snorkeling nei suoi incantevoli fondali.

Il lato adriatico non è da meno. Anzi.

Sfumature verdi delle pinete, color ocra delle dune e gli azzurri cangianti del mare cristallino, sono ad esempio le tonalità della splendida Baia dei Turchi, che prende il nome dallo sbarco della flotta ottomana che assediò Otranto nel 1480. Oppure quella di Torre dell’Orso, vicina a Melendugno, che offre un altro spettacolo marittimo imperdibile, con spiaggia bianca e finissima, mare cristallino, dune dolci alle spalle e vegetazione rigogliosa. Sovrastata dalla cinquecentesca Torre dell’Orso, la baia è arricchita dalle Due Sorelle, due maestosi faraglioni che si ergono dal mare.

A due passi da Torre dell’Orso e a 20 km da Otranto, è possibile immergersi nelle acque fresche e limpide di una meravigliosa grotta, denominata La Poesia, a Roca Vecchia: la si può raggiungere a nuoto o in barca lungo uno stretto canale, oppure ci si può lanciare direttamente dalle rocce!

Lungo questo tratto di costa, ricco di grotte naturali, ci si può fermare nel bianco paesino di Castro. Nella sua parte bassa (la Marina, appunto) è possibile visitare la Grotta della Zinzulusa, forse la più famosa di tutto il Salento. Spingersi nella grotta, tra stalattiti e stalagmiti millenarie, è un’esperienza imperdibile.

Oltre alle grotte, nel Salento è possibile visitare un vero e proprio fiordo a Marina di Marittima e fare un bagno, altamente rigenerante, tra le rocce e nelle acque gelide. Chiudiamo con una chicca irrinunciabile, il Ciolo a Santa Maria di Leuca, una piccola spiaggia ricavata da una insenatura e sovrastata da un ponte, dal quale i tuffatori si lanciano per raggiungere l’acqua. Incastonata tra due alte coste, è raggiungibile da una ripida scalinata.

Un poco di fatica, insomma, ma il panorama al traguardo, ve lo assicuriamo, è a dir poco imbattibile.

You might also like

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi