“Legends on Circolar Ruins”, si parte domani da Castro

Da luglio a marzo, il progetto coordinato da Astràgali Teatro, uno dei cinque italiani approvati nell'ambito del programma europeo "Creative Europe" per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, prevede la realizzazione di residenze artistiche in cinque siti archeologici in Italia (Rudiae e Castro), Spagna (Segovia), Romania (Costanza) e Albania (Nivica). Si parte dal Salento con una ricca programmazione tra Castro e il sito archeologico della vecchia città romana di Rudiae, a pochi chilometri da Lecce.

0

Prende il via ufficialmente dal Salento, con l’incontro tra i partner e, giovedì 5 luglio, con lo spettacolo “La prova” di Astragali Teatro e Muffx al Castello Aragonese di CastroLegends on circular ruins, uno dei cinque progetti italiani approvati nell’ambito del programma europeo “Creative Europe” per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. L’articolato progetto prevede la realizzazione di residenze artistiche in cinque siti archeologici in Italia (Rudiae e Castro), Spagna (Segovia), Romania(Costanza) e Albania (Nivica). I siti e il loro patrimonio materiale, ma anche immateriale, fatto di storie, leggende, racconti, memorie saranno al centro delle attività attraverso la collaborazione tra artisti, archeologi, operatori del patrimonio culturale, attori culturali. Gli interventi nei luoghi saranno tutti site-specific e attraversati anche dalle presenze, dalle tracce, presenti in questi luoghi, di figure mitologiche e storiche come Medea, Enea, Quinto Ennio, Ovidio, Maria Zambrano. Il titolo del progetto – in italiano Leggende sulle rovine circolari – prende ispirazione da un romanzo di Jorge Luis Borges che esprime in modo sublime la natura sincretica della conoscenza, le relazioni intime di spazi e tempi lontani che sono mantenute vive dal fuoco della creazione, da un profondo sincretismo di culture legate in un movimento circolare. Il patrimonio culturale è una fonte di conoscenza che unisce i popoli, che nutre l’immaginazione, che fa rivivere i ricordi, che genera uno sguardo più profondo e una comprensione del presente e del nostro futuro. Lo “spazio” della conoscenza è sempre circolare, lo spazio del teatro, della danza, della musica sono circolari, così è lo spazio dell’incontro. Partner del progetto, coordinato da Astragali Teatro, sono il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento, il Teatro Nazionale di Costanza (Romania), la Fondazione della Danza ‘Alicia Alonso’ dell’Università ‘Re Juan Carlos’ di Madrid (Spagna), l’International Theatre Institute – UNESCO (Francia) e l’Agenzia Costiera Nazionale (Albania).

Si parte, dunque, giovedì 5 luglio (ore 21 – ingresso libero – info 0832306194 – 3892105991) da Castro, uno dei principali e affascinanti siti archeologici della Puglia, con “La Prova – The Repetition. A Rock Opera”, ultima produzione internazionale di Astràgali Teatro. Lo spettacolo multilingue, firmato dal regista Fabio Tolledi coinvolge attrici e attori provenienti da sei paesi – Petur Gaydarov (Bulgaria), Aude Lorrillard (Francia), Vita Malahova (Lettonia), Roberta Quarta e Simonetta Rotundo (Italia), Jean Hamado Tiemtoré (Burkina Faso) e Onur Uysal (Turchia) – affiancati dai Muffx, autori delle musiche originali. La band, composta da Luigi Bruno (chitarra), Ilario Suppressa (basso), Alberto Ria (batteria) e Mauro Tre (piano), subito dopo presenterà  in concerto il concept album “L’ora di tutti”, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Maria Corti. Dalle 20 sarà possibile effettuare una visita guidata gratuita del Castello e del Museo Archeologico.

Castro ospiterà anche uno “Studio su Arlecchino servitore” del Teatro dei Borgia (venerdì 3 agosto alle 21 al Castello), l’Eneide della compagnia Diaghilev (venerdì 24 agosto alle 19.30 al Castello) e una nuova versione delle “Metamorfosi – Donne che resistono alla violenza degli dei” di Astràgali Teatro nella Grotta della Zinzulusa (lunedì 27 agosto ore 18, 19 e 20). L’area archeologica di Rudiae, dove sono visibili e visitabili i resti di uno splendido anfiteatro romano, ospiterà invece una serata dedicata al poetaQuinto Ennio, originario proprio dell’antica città romana a pochi chilometri da Lecce (16 luglio), lo spettacolo “Dichiaro Guerra al Tempo” del Teatro Vascello (24 luglio), l’Eneide della compagnia Diaghilev (10 agosto) e, infine, una versione site specific delle “Metamorfosi – Donne che resistono alla violenza degli dei” di Astràgali Teatro (17 agosto). Gli appuntamenti salentini rientrano anche nell’articolato progetto Taotor, finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia promosso da Astragali in collaborazione con Ar.Va, Theutra e il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento.

Le attività di Legends on circular ruins proseguiranno a Nivica in Albania dal 20 al 28 settembre, a Costanza in Romania dal 1 al 7 ottobre, a Segovia in Spagna dal 4 all’11 novembre per poi tornare a Lecce (tra gennaio e marzo 2019) con la conferenza finale alla presenza di tutti i partner.

È necessario recuperare le memorie collettive dei luoghi per comprenderne i significati e le mutevoli identità, per recuperarne il valore per la comunità e trasmetterlo alle generazioni attuali e future. Gli interventi nei luoghi sono site-specific. Site-specific diviene una straordinaria occasione, come dimostra l’ormai consolidata esperienza di Astràgali Teatro, per valorizzare beni naturali, archeologici, architettonici, ‘rileggendoli’ in chiavi inedite attraverso l’esperienza artistica. Gli spettatori sono chiamati a essere testimoni e attori dell’azione teatrale e della bellezza dei luoghi. Ogni spettacolo è unico. Questo processo artistico ed esperienziale si presta a essere, in una reale dinamica di eco- sostenibilità che consente la rarefazione degli elementi scenici e – il più delle volte – la relazione con la luce naturale. Una eccezionale modalità di conoscenza e racconto dei luoghi e, come tale, al servizio della loro valorizzazione e fruizione. Sempre di più si attesta, infatti, l’esigenza da parte dei visitatori di entrare in relazione e in contatto con la natura dei territori attraversati, la loro storia, la loro tradizione. Un’esigenza che l’intervento site-specific accoglie e rilancia in un’idea di cura e salvaguardia, conoscenza e valorizzazione, della bellezza e delle specificità territoriali.

Il progetto, in linea con gli obiettivi dell’Anno Europeo del patrimonio culturale, intende rafforzare il senso di appartenenza a uno spazio europeo comune e promuovere il patrimonio culturale come fonte di ispirazione per la creazione artistica contemporanea e l’innovazione, aumentando l’interazione tra il settore dei beni culturali e altri settori culturali e creativi.
La compagnia Astràgali Teatro, diretta dall’attore e regista Fabio Tolledi, vicepresidente della rete mondiale dell’International Theatre Institute – Unesco, nasce nel 1981 a Lecce per fare teatro, per formare attori, per dare vita ad uno spazio di circolazione dei discorsi e delle pratiche, per elaborare progettualità, per tessere trame e relazioni. Riconosciuta dal 1985 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come compagnia teatrale d’innovazione, dal 2012 è sede del Centro Italiano dell’International Theatre Institute dell’Unesco ed è membro della Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for the Dialogue between Cultures. Ha realizzato progetti artistici, spettacoli, attività in circa 30 paesi in tutto il mondo.

Astragali Teatro

Via Giuseppe Candido 23

73100, Lecce

Tel 0832306194

Cell 3209168440

Mail teatro@astragali.org

Info www.astragali.org

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta