Settembre: tempo di vendemmia

0

vendemmia 1

Se per molti è ancora momento di mare, vacanze e tuffi dell’ultima ora, per tanti, tantissimi, Settembre evoca immagini di viti e uva da raccogliere, di botti in fermento, di odore di mosto. Un quadro sinestetico – quello della vendemmia – in cui il nono mese dell’anno si esprime in tutta le sue peculiarità. Oltre che garantire un affascinante viaggio tra percezioni multisensoriali, la vendemmia mantiene un grande valore simbolico: in quanto momento rituale, ha un significato sociale e di comunione molto forte, dacché uomini e donne, giovani e meno giovani, professionisti e non, si riuniscono e lavorano insieme con un unico scopo, produrre quello che un tempo veniva definito il nettare degli Dei.

vendemmia 2

Il ruolo sociale e rituale che la caratterizza è stato ancor più forte nei decenni scorsi, quando la vendemmia era lavoro ma anche condivisione, un rito fatto di fatica e di soddisfazione. Ma anche oggi, seppur buona parte delle operazioni di vendemmia vengono svolte con l’ausilio di macchine, non si perde il fascino e la magia di una esperienza senza eguali. Nelle cantine più all’avanguardia, innovazione e tradizione si uniscono, in un binomio vincente, con l’obiettivo di portare avanti una produzione aziendale attenta alla qualità.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta