SudEst Climb. Arrampicarsi nel Salento

0

climbing

“Nelle vibranti e libere corse sulle rocce tormentate, nei lunghi e muti colloqui con il sole e con il vento, con l’azzurro, nella dolcezza un po’ stanca dei delicati tramonti, ritrovavo la serenità e la tranquillità. E l’ebbrezza di quell’ora passata lassù isolato dal mondo, nella gloria delle altezze, potrebbe essere sufficiente a giustificare qualunque follia…”. Nelle parole di Gervasutti, anche detto il Fortissimo, ritroviamo la magia, lo stupore, e non da ultimo l’adrenalina, di chi sceglie l’arrampicata sportiva come disciplina sportiva, come passione, come esercizio di follia.

Nel Salento arrampicata sportiva fa rima con “Sudest Climb”, un’associazione locale dedicata a questo sport. Il presidente dell’associazione, il geologo Antonio Pagliara, ci spiega come è nata questa realtà e come ha trovato nel territorio salentino la sua collocazione ideale.

climbingPresidente, come nasce SudEst Climb e quali sono i suoi obiettivi?
Lo spirito di SudEst Climb nasce nel 2011, in seguito al casuale incontro di cinque giovani studenti leccesi fuori sede accomunati dalla stessa passione per l’arrampicata sportiva. Si formalizza nel 2016, dopo anni di attività con altre realtà associazionistiche salentine, passati non solo a praticare l’arrampicata sul territorio salentino, ma anche a scoprire e tracciare nuovi itinerari. Attualmente l’Associazione conta 30 soci, tutti scalatori.

L’arrampicata sportiva nel Salento dove si pratica?
In Salento le pareti rocciose attrezzate per potersi arrampicare si trovano in Località Ciolo a S. Maria di Leuca, a Porto Badisco e Torre S. Emiliano a Sud di Otranto. L’associazione intende valorizzare e tutelare l’ambiente naturale di tutto il Salento, praticando questa ed altre discipline outdoor negli splendidi paesaggi del Parco Otranto,
Bosco Tricase, S. Maria di Leuca, che comprende tutte le aree frequentate dai soci dell’associazione ed in particolare Torre S. Emiliano, Porto Badisco e Ciolo, dove sono presenti numerosi itinerari di arrampicata sportiva e tanti sentieri di trekking, alcuni dei quali creati negli anni proprio dai soci di questa associazione.

climbing 3 Che cosa prevedete per il futuro del free-climbing salentino?
Pensiamo di continuare sulla strada già intrapresa, certi che possa rappresentare una grande risorsa anche per il territorio. A settembre poi sarà aperta alle Manifatture Knos la Prima Scuola di Arrampicata Sportiva, con l’obiettivo di creare uno spazio in cui potersi allenare, crescere ed incontrare delle giornate di scalata all’aperto che tendenzialmente si svolgono nei week end sulle falesie salentine e non.

You might also like

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi