Tappa ad Otranto per il Museo Navigante

Nell'occasione, riapre il Museo su Ecologia degli ecosistemi mediterranei al Faro di Palascia.

0

Il 2 febbraio 2018 la Città di Otranto ospiterà due belle iniziative legate al mare e ai suoi ecosistemi. Nella mattinata approderà, presso il pontile dell’Assonautica, la goletta Oloferne, in viaggio dall’Adriatico al Tirreno, con tappe in tutte le regioni, sulla quale è allestito il Museo Navigante.

Verrà inoltre riaperto il Museo su ecologia degli ecosistemi mediterranei presso il Faro di Palascia a cura dell’Università del Salento, in collaborazione con LifeWatch Italia, nodo italiano dell’infrastruttura Europea di e-Science per la ricerca su biodiversità ed ecosistemi.

Cinquantotto musei del mare e della marineria insieme in un comune progetto per valorizzare il patrimonio culturale marittimo italiano. È nato così il “Museo Navigante”, iniziativa promossa dall’Associazione Musei Marittimi del Mediterraneo (AMMM), Mu.MA-Galata di Genova, Museo della Marineria di Cesenatico e dall’associazione La Nave di Carta della Spezia. L’iniziativa, alla quale hanno aderito 70 musei del mare e della marineria d’Italia, ha il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e l’adesione della Marina Militare e della Guardia Costiera. Il Museo Navigante, ospitato a bordo della goletta Oloferne, imbarcazione d’epoca costruita nel 1944 a Messina, navigherà lungo la penisola e dopo la partenza da Cesenatico fa tappa a: Chioggia, Trieste, Pesaro, San Benedetto del Tronto, Martinsicuro/Giulianova, Pescara, Bisceglie, Molfetta, Otranto, Tricase, Gallipoli, Crotone, Siracusa, Pioppi, Napoli, Procida, Civitavecchia, Gaeta, Livorno, Viareggio, La Spezia, Chiavari, Genova, Imperia.

Il viaggio del Museo Navigante si concluderà a fine marzo 2018 a Sète, in Francia, al Festival del Mare, Escale à Sète, il più importante evento di tradizioni marinare del Mediterraneo dove la goletta Oloferne sarà ospite in rappresentanza dei musei italiani.

Tre mesi di viaggio, 1800 miglia nautiche, 25 tappe e un calendario fitto di iniziative in ogni città: dai laboratori didattici per i più piccoli, agli incontri e conferenze per gli adulti. Tutto con un unico obiettivo: far conoscere l’importanza del mare nella storia collettiva passata e futura dell’Italia e dell’Europa.Nel 2017 sono stati circa 650 mila i visitatori che hanno varcato le porte dei 70 musei della rete Museo Navigante che ha iniziato anche un primo censimento del settore; tre le tipologie rilevate: musei storico-navali, etnografici e di biologia marina. A queste si aggiungono: le sezioni dei musei archeologici nazionali che conservano importanti reperti di storia marinara dell’antichità, e i piccoli presidi di cultura marinara sorti attorno a collezioni private aperte al pubblico. Il Museo Navigante ha aderito alla Carta del Mare 2017. Le attività dei musei e le storie delle collezioni che conservano sono oggi disponibili on line sul sito www.museonavigante.it, un portale della cultura marinara italiana in costante aggiornamento. Il viaggio del Museo Navigante si potrà seguire on line sul blog del sito, sulla pagina FB, su twitter @museonavigante e sul canale youtube Museo Navigante.

“Otranto non poteva non rientrare in questa importante rete dei Musei del Mare. La nostra città è da sempre sospesa tra mare e terra e la sua storia si è costruita nei rapporti con le popolazioni del Mediterraneo. Il museo racconterà questa storia ma ci proietterà anche in un nuovo rapporto con il mare sempre più centro di nuovi modelli di sviluppo dell’economia blu”, dice il Sindaco Pierpaolo Cariddi. “Siamo altresì felici di ospitare la goletta Oloferne e i momenti di approfondimento organizzati dal suo team per i ragazzi delle nostre scuole”.

 

“Si tratta di una splendida occasione per aprire il Museo a territori e collaborazioni più ampie, in linea con la sua missione”, dice il Prof. Alberto Basset, Direttore del Museo su Ecologia degli ecosistemi mediterranei. “In questa ottica, si inserisce la collaborazione con LifeWatch che arricchisce il Museo con la sua ampia rete internazionale di iniziative e progetti dedicati alla diffusione di una cultura ecologica. Il Museo si appresta ad ospitare mostre multimediali, attività di ricerca, convegni scientifici e momenti dedicati alla didattica e alle scuole”.

 

PROGRAMMA

Otranto – Pontile Assonautica
10.00-10.30
Saluto delle Autorità
10.00-13.00/14.30-18.30
Visite guidate e laboratori didattici a bordo della goletta

Museo su Ecologia degli ecosistemi mediterranei (Punta Palascia)
11.00-17.00 Immergiamoci nel blu alla scoperta della costa Otranto-Leuca. Ascoltiamo i suoni della natura. Visione di filmati ed installazione di sound-recorder.

 

Per info www.museonavigante.it – facebook.com/museonavigante – facebook.com/museodipalascia

 

You might also like

Leave A Reply

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi