Un giorno da archeologi a Castro con Francesco D’Andria

0
Jpeg
Jpeg

In trecentocinquanta tra studenti, docenti e personale, con il coinvolgimento di familiari e amici, hanno preso parte alla visita guidata, condotta dal noto archeologo professore Francesco D’Andria e partita da Piazza Perotti a Castro. La comunità accademica dell’Università del Salento e il Rettore Vincenzo Zara hanno visitato le mura messapiche di Castro, il Santuario di Atena Troiana e l’approdo di Enea, quindi il Castello spagnolo, dove è in allestimento il Museo contenente le sculture rinvenute negli scavi (statua della dea Atena, fregi con girali vegetali del IV sec. a.C., i più antichi mai rinvenuti), poi i torrioni, dai quali si gode uno straordinario panorama sul Canale di Otranto.

Jpeg
Jpeg

L’itinerario guidato è stato un viaggio nella storia sulle orme di Enea. Spiega il professor D’Andria: “Dopo aver lasciato Butrinto in Albania, Enea attraversa il canale ed entra in vista dell’Italia, nel punto segnato dalla presenza del tempio di Minerva: il nome antico di Castro era infatti Castrum Minervae. Gli scavi condotti in collaborazione tra Comune di Castro, Università del Salento e Soprintendenza della Puglia hanno portato alla luce il Santuario di Minerva cantato da Virgilio, del quale sarà possibile vedere i resti e i numerosissimi reperti. Il Progetto PoIn ‘Attrattori culturali, lavori parco archeologico sulle orme di Enea – tempio di Minerva’ ha permesso di inserire queste strutture dell’età ellenistica in un percorso che offre ai visitatori la vista di straordinari scorci paesaggistici”.

You might also like

Questo sito utilizza strumenti per il tracciamento delle informazioni sulla provenienza degli utenti Dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi